Recensioni: “Tre Cuori e Tre Leoni” (Three Hearts and Three Lions, 1953) di Poul Anderson

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Holger Carlen, giovane ingegnere danese è all’apparenza una persona del tutto ordinaria. Nulla lascerebbe presupporre che egli sia il depositario del fato del cosmo e che lo attenda un destino eroico. Nel corso di una sua azione come partigiano contro i tedeschi nella seconda guerra mondiale, Holger si ritrova sbalzato all’improvviso in un universo parallelo, in una terra fiabesca dove vigono le leggi della magia al posto di quelle della scienza. E qui dovrà affrontare nemici ed ostacoli di tutti i generi.

Autore: Poul Anderson | Titolo: Tre Cuori e Tre Leoni | Titolo originale: Three Hearts and Three Lions | Anno di Pubblicazione: 1953 | Edizione Italiana: Ottobre 1979 | Editore: Nord | Collana: Fantacollana Nord n° 29 | Pagine: 222 | Cartonato, Sovraccoperta | Copertina: Frank Frazetta | Prezzo: 5.000 Lire

TRE CUORI E TRE LEONI è un romanzo fantasy di Poul Anderson del 1961, espansione di un racconto breve comparso su Fantasy & Science Fiction nel 1953. Il racconto breve è stato pubblicato in italiano nel 1955, diviso in due puntate sui numeri 6 e 7 della rivista Fantascienza della Garzanti Editore. Il romanzo fu tradotto da Roberta Rambelli e pubblicato nel 1971 sul numero 153 della collana Galassia della La Tribuna e ristampato nel 1979 dalla Editrice Nord nel numero 29 della collana Fantacollana. Nel 1992 la Editrice Nord lo pubblicò nuovamente nella collana Tascabili Fantasy con una nuova traduzione di Riccardo Valla, ristampata nel 1996 nella collana Narrativa Nord.

Holger Carlsson, un danese muscoloso e imponente, dall’animo pacifico, adottato da una famiglia americana, aveva vissuto per gran parte della sua vita negli Stati Uniti, divenendo giocatore di football e ingegnere. Ma quando in Europa era scoppiata la seconda guerra mondiale e i nazisti avevano invaso la sua patria d’origine, Holger aveva sentito di non poter rimanere in disparte: rinunciando al suo bonario pacifismo si era imbarcato per l’Europa, per combattere con i partigiani. Una notte del 1943, durante una missione per mettere in salvo degli importanti scienziati, egli si ritrova a combattere su una spiaggia danese contro i soldati nazisti, conscio di non avere scampo ma comunque deciso a combattere fino all’ultimo.

Proprio mentre sta per essere sopraffatto e una pallottola lo colpisce alla testa, egli viene trasportato in un altro mondo. E’ un mondo strano, simile al nostro, ma diverso: egli si ritrova in una specie di medioevo fantastico, dove le forze del Caos e della Legge si stanno preparando per la battaglia finale. E’ il medioevo di Carlo Magno, di Re Artù e dei loro paladini, ma anche degli elfi (non quelli bonari di Tolkien, ma quelli infidi e amorali delle fiabe nordiche, tema che verrà ripreso nel più cupo LA SPADA SPEZZATA), dei nani, dei troll, dei draghi e dei giganti. Per qualche strano motivo Holger non è giunto in questo mondo come un uomo qualsiasi: egli si materializza davanti ad un imponente e nerissimo cavallo da battaglia chiamato Papillon, sul quale ci sono vestiti e armatura su misura per un omone della sua stazza. Ci sono anche spada e lancia da cavaliere, ma soprattutto uno scudo con un insegna: Tre Cuori e Tre Leoni.

Prima di agire Holger dovrà venire a capo di molti enigmi: come è possibile essere giunti proprio in quel luogo, dove lo aspettavano armi ed armature fatti su misura per lui? Perché la mitica Fata Morgana in persona non vuole che lui si unisca alle forze della Legge, ma allo stesso tempo non vuole ucciderlo? Qual’è la sua vera identità, nascosta da un incantesimo che gli ha fatto perdere la memoria? Potrà mai tornare al suo mondo?

Non vi rivelerò tutta la storia per non rovinarvi la sorpresa: questo libro è giudicato a ragione uno dei grandi classici della Fantasy; sebbene sia stato scritto nel 1961 non ha perso tutto il suo smalto ed è sicuramente una pietra miliare, poiché molte delle idee accennate in questo libro sono divenute poi dei “classici” in tutti i romanzi d’avventura. Accennerò solo al fatto che i Tre Cuori e Tre Leoni non sono solo i simboli dello scudo di Holger, personaggio umanissimo e simpatico, ma rappresentano anche il carattere di amicizia, fedeltà e coraggio dei tre protagonisti: Holger, il Nano Hugi e la bellissima fanciulla cigno Alianora.

Un libro che vi emozionerà e vi farà sognare, semplice e scorrevole come pochi altri. Buona Lettura.

Giovanni Luisi

L’AUTORE: Poul William Anderson nasce nel 1926 a Bristol, in Pennsylvania, da genitori di origine danese. Ha conseguito una laurea in fisica all’università del Minnesota nel 1948. Ha sposato Karen Kruse nel 1953. Assieme a lei, ma anche da solo, compone versi. La sua prima pubblicazione di SF è del 1947, sulla rivista Astounding. Pubblica il suo primo romanzo nel 1952. Scrive anche opere di fantasy. La sua opera privilegia l’avventura, con tratti anche ironici, creando opere molto interessanti e suggestive, pure con una spiccata inclinazione poetica. È stato il sesto presidente dell’associazione degli scrittori statunitensi di fantasy e fantascienza, a partire dal 1972.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*