Arabrab di Anubi: ringraziamenti

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Al più tardi il Primo Maggio, risistemato qualche paragrafo qua e là, consegnerò all’editore Arabrab di Anubi.

È un ciclo di racconti (11, per l’esattezza) che da giugno 2016 monopolizza la mia scrittura: l’ho concluso, finalmente!

Arabrab è un’assassina devota al Dio Sciacallo: combatte culti, poteri oscuri, mostri, demoni e nemici dell’Egitto in una fantasy-Età del Bronzo il più realistica che mi è riuscito di immaginare. La vedrete fra le Piramidi, in Sardegna, a Cnosso e in Lazio, nelle tombe degli Etruschi e le foreste dell’estremo Nord. Avrà a che fare con sacerdoti, guerrieri, negromanti, automi e concubine, non-morti ed entità. Vi darò polvere, sangue, spade, incantesimi, battaglie, meraviglie e oscurità.

Sono racconti che leggerete singolarmente oppure, se vorrete, come capitoli di un romanzo: Arabrab crescerà, avrà dubbi, ripensamenti, si farà molti nemici, avrà conti da regolare… non sarà sempre la stessa, in una vita di avventure.

Non è una mia abitudine pubblicare ringraziamenti: ma questa volta, per il lavoro che quest’opera ha richiesto, sono in debito di una birra egizia con un sacco di persone!

Innanzi tutto Alessandro Iascy e Francesco La Manno: committenti del progetto dopo che – letta una prima storia di Arabrab, destinata a un’antologia – hanno deciso che la ragazza meritasse una sua saga.

Arabrab, capovolto, è il nome della mia compagna: Barbara; grazie ad Anubi (perché ci credo!) e grazie a Kaoutar Dadi: l’admin di questo blog che è spesso nelle mie storie; che ha prestato la ferocia, gli occhi e il volto a quest’ancella delle tenebre.

Non si può scrivere di vini, armi, armature e cose antiche senza il parere di uno studioso, un archeologo e meglio ancora rievocatore: quindi grazie ad Alessandro Allegrucci che – pur attualmente disperso nelle steppe del Kazakistan – ha sempre trovato il tempo, le informazioni e la gentilezza per rispondere alle mie domande su xiphoi, formaggi, tuniche o tebenna e il distinguo fondamentale fra scudo dyplos e scudo oplon. Nel mio mestiere per ‘sti dettagli si perde il sonno… Grazie a Alessandro Madeddu e Bluana Pinna per aver contribuito riguardo a cose sarde.

Grazie a un vero dream-team di infaticabili “lettori alfa” Arianna Dongu, Benedetta Melappioni, Zeno Saracino e Lorenzo Davia: Arabrab è cresciuta con i loro suggerimenti. E se leggendo proverete uno spavento, un’emozione, un sense of wonder di più sarà grazie a scambi in chat su puntini di sospensione, corsivi, infodump, Strutture a Nove Atti, cliffhanger e show don’t tell.

La parola all’editore e spero a presto sugli scaffali.

Alessandro Forlani

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

4 thoughts on “Arabrab di Anubi: ringraziamenti

  1. Sembra un libro estremamente interessante soprattutto per l’ambientazione originale. Presso quale editore verrà pubblicato? Anche in cartaceo oppure solo in digitale? ePub? Oppure solo presso Amazon?

Comments are closed.